Come trovare le parole per descrivere la tua idea innovativa?

Come riuscire ad attrarre l’interesse degli investitori?

Ci sono tante situazioni, formali e informali, in cui essere chiari e concisi può cambiare la tua vita professionale.

Avere pronta una breve descrizione della tua startup, da snocciolare in due minuti – il tempo di un viaggio in ascensore – è fondamentale! Questa breve descrizione si chiama elevator pitch.

 

 

 

Crea una presentazione di due minuti

Non voglio metterti ansia, sto solo sottolineando un aspetto fondamentale per la riuscita dell’operazione: devi essere breve.

Un elevator pitch, letteralmente presentazione da ascensore, serve a convincere chi hai davanti a comprare o investire, è un micro-discorso, ma potrebbe essere decisivo per la tua carriera. Quindi sarà meglio prepararlo come si deve.

Se stai pensando di andare a braccio perché si tratta di una tua idea, perché sei stato tu a realizzare il progetto, perché tu e il tuo team lo avete strutturato nei dettagli…NO!

Non funziona così, nulla va lasciato al caso, non c’è spazio per l’improvvisazione quando si tratta di fare colpo su un investitore.

Devi essere pronto, sicuro di te e soprattutto conciso.

 

 

 

Ricorda: l’obiettivo è attrarre i finanziamenti

Come tutti i brevi testi, la sua realizzazione ha bisogno di un processo piuttosto lungo. Sono tanti gli aspetti che dovrai scandagliare prima di giungere a una presentazione efficace della tua startup.

Innanzitutto, ricordati a chi è destinata.

Non dare mai per scontato che la persona che hai davanti, anche se si trova lì appositamente per trovare progetti innovativi su cui investire, sappia minimamente di cosa ti occupi o abbia esperienza con la tecnologia o l’innovazione.

A lui interessa capire in che modo scommettere su di te lo farà guadagnare – perché si tratta di un investimento, non di un regalo.

Devi descrivere il tuo progetto come la soluzione a un problema realmente esistente e condiviso da molti, per il quale le persone siano disposte a pagare. (E deve essere la verità, altrimenti cosa la apri a fare una startup?)

Non stiamo parlando di originalità.

Non stiamo parlando di calcoli complessi.

Non stiamo parlando di massimi sistemi.
 

Devi dimostrare che il tuo progetto è utile, scalabile e remunerativo

 

 

 

Elementi fondamentali per una presentazione che funziona

Sappi che per ottenere una breve descrizione efficace della tua startup andranno versati fiumi di inchiostro. Si parte scrivendo tutto, e si va avanti togliendo quello che non serve, si corregge, si legge ad alta voce, si taglia ancora, fino a trovare le parole giuste, quelle che sono tutte importanti, quelle che assieme al suono trasmettono un’emozione.

Per dare fondamento e credibilità al tuo discorso non scordarti dei numeri. I numeri servono a disegnare una cornice di credibilità, devono essere – ovviamente – reali, e rafforzare le parole.

Si comincia da quattro pilastri:

  • Chi sei

  • Quali problemi risolvi

  • Qualche proiezione futura

  • benefici ed emozioni

Ricordati di mantenere un alto livello di semplicità, evita il linguaggio tecnico, il tuo obiettivo è far capire la validità del tuo progetto.

Quando ti troverai davanti a un muro di parole potrai prendere fiato, rileggere con calma e mettendoti nei panni del tuo interlocutore cominciare a falciare tutto quello che è in più. È un’operazione che va fatta in diversi step, per essere sicuri che si stia tagliando davvero tutto il superfluo e che ciò che resta sarà una frase dotata del magnetismo e della concretezza di cui hai bisogno. Magnetismo significa che chi ti ascolta dovrà emozionarsi, provare empatia.

Continua a tagliare e rileggi cronometro alla mano, quando la tua presentazione sarà arrivata a due minuti, potrai fermarti.

Una volta raggiunto un risultato che ritieni essere accettabile, esci, trova una persona qualunque per strada e fai un test. Questa persona ha capito di che si tratta? Sì? Bene, hai realizzato un buon elevator pitch. No? Beh, mi dispiace, ma dovrai rimetterti a lavoro.

 

 

 

Come usare un elevator pitch

Pur essendo definita presentazione da ascensore l’elevator pitch ti sarà utile anche in altre occasioni, ed è bene adattarla alle diverse situazioni.

Per presentare la tua startup durante una conferenza ad esempio, avrai cinque minuti e uno schermo a disposizione: delle slide ben strutturate renderanno il tuo discorso più facile da seguire e resteranno maggiormente impresse. Ma se davvero vuoi fare il botto, il mio consiglio è di dedicare un po’ di risorse alla creazione di un breve video originale. Infografiche, parole chiave, numeri a cui aggancerai il tuo discorso o addirittura delle clip video per realizzare un contenuto emozionale e conquistare la platea con la tua originalità.

Potrai anche inserire questa descrizione video nel tuo sito, o eventualmente sfruttarla per la realizzazione di una pagina su una piattaforma di crowdfunding. In questo caso ricordati di inserire i contatti a fine presentazione. Chi vuole deve poterti inviare un messaggio o chiamare immediatamente, prima che se ne scordi.

 

 

 

Copywriter per startup, un alleato per il tuo progetto

Non devi fare l’eroe, so che ti sei annoiato appena ho fatto cenno ai muri di parole che avresti dovuto scrivere, l’idea di spiegare le cose a chi non sa una cippa di tecnologia già ti stressa.

La soluzione è ricorrere a un copywriter. Il suo lavoro è aiutarti a trovare il modo giusto per comunicare ciò che fai. Grazie alla sua dimestichezza con le parole, e – sembra brutto – ma anche alla sua ignoranza in materia di tecnologia, ti aiuterà a descrivere la tua startup alle persone che vuoi raggiungere. Il risultato potrebbe spaventarti, perché più le parole si avvicinano al linguaggio della gente comune, più si allontanano dal linguaggio che usate tu, i tuoi colleghi e compagni di ricerca. Ma così facendo guadagnerà efficacia e sarà in grado di conquistare il tuo interlocutore in ascensore, seduto in una platea di centinaia di persone o davanti al pc.
 

IMMAGINE DI COPERTINA TRATTA DAL FILM The Social Network.

 

Lascia un commento

© 2015-2020 DIRTY WORK
Web Design Grafica Comunicazione