Siamo in un periodo in cui vuoi per necessità, vuoi perché ci sono buoni margini di successo, realizzare un negozio online è una scelta di business molto diffusa. Se ci stai pensando anche tu, questo articolo potrebbe esserti utile.

Per correttezza devo iniziare mettendoti in guardia da errori di valutazione tanto gravi quanto comuni, ti chiedo quindi di leggere questo elenco a voce alta in modo da interiorizzare ogni punto:

  • aprire un e-commerce non significa automaticamente vendere online

  • aprire un e-commerce non è un modo economico per fare soldi

  • gestire un e-commerce non è poco impegnativo

Per creare un e-commerce che abbia successo è necessario fare un’analisi preliminare del mercato in cui vuoi entrare, cosa vuoi vendere, da dove proviene la merce, quali sono le varie fasi di approvvigionamento, capire in che modo gestirai la logistica, se hai necessità di un magazzino per lo stoccaggio, come gestirai i pagamenti e tante altre cose che dovrai vederti con un consulente specifico, non con l’account di una web agency.

Per fare un esempio: se hai deciso di vendere un dispositivo che suona ogni volta che tiri lo sciacquone lascia perdere, il fatto che non esistano competitor sul mercato non deve essere motivo di incoraggiamento.

Invece potresti decidere di aprire un e-commerce alimentare. Ce ne sono a valanghe online. Ma questo non significa che non potrai conquistare la tua fetta di mercato se scegli con cura i prodotti che inserirai nel tuo catalogo, realizzi un buon sito e crei una strategia valida di marketing online. In questo caso l’agenzia di comunicazione può decisamente esserti utile.

Inoltre, come ho detto al punto uno, non è detto che il tuo prodotto venda solo perché è online e basta un clic per acquistarlo. Ci sono moltissimi aspetti da curare, altrimenti anche se le previsioni di vendita prospettate dai tuoi consulenti sono da capogiro, resteranno solo previsioni.

 

 

 

Cosa serve per aprire un eCommerce di successo

Come ho detto al punto due aprire un e-commerce non è economico, anzi, voglio essere più precisa: aprire un e-commerce di successo nel 2021 non è economico. Perché? Perché nonostante nel 2021 esistano tante piattaforme che offrono modelli per costruire store online, con tutte le funzioni di cui hai bisogno per presentare la merce, gestire gli ordini, i pagamenti, le spedizioni e ogni cosa; nonostante queste meravigliose piattaforme non abbiano prezzi esorbitanti; creare un vero e proprio negozio capace di attirare traffico e convertire richiede tanti lavori che non sono in dotazione con il tema Shopify.

Innanzitutto, avrai bisogno di un web designer che strutturi il sito in base alle tue esigenze, che ti guidi nella scelta delle categorie prodotto e nella personalizzazione delle schede.

Avrai bisogno di un lavoro di SEO, perché se non appari nella prima pagina del motore di ricerca nessuno verrà a comprare da te. Un po’ perché siamo tutti pigri e non abbiamo voglia di andare a vedere cosa c’è nella seconda pagina di Google (figuriamoci nella terza o nella quarta!), un po’ perché abbiamo la percezione che chi si trova in fondo ai risultati di ricerca sia scarso. Ti ci ritrovi?

Ti servirà sicuramente una grafica accattivante, che nella sua originalità non faccia a cazzotti con l’obiettivo del tuo e-commerce: vendere. I tuoi clienti dovranno trovarsi a proprio agio, il lavoro di grafica dovrà essere orientato all’esaltazione della chiarezza dei passaggi che dalla scelta del prodotto portano alla chiusura del pagamento.

Poi, se continuiamo a supporre che voglia aprire un e-commerce alimentare, non possiamo sorvolare sulla concorrenza. Ci sono una marea di negozi che vendono online gli stessi prodotti che vendi tu. A meno che tu non abbia deciso di commercializzare biscotti ammollati, quelli che hai rimesso a posto senza chiudere la busta, hai presente? Ma sarebbe come vendere gli allarmi da sciacquone di cui sopra.

Quindi, come fare a distinguerti in un mercato che è a un passo dall’essere saturo? Trovando la tua voce, il tuo stile, quello che ti rende unico, la tua value proposition.

 

Hai bisogno di studiare per il tuo e-commerce un’identità unica, capace di distinguerti e di far decidere alle persone di acquistare proprio da te.

 

Non è mica finita, sai?

Oggi, che siamo nel 2021, un negozio online, ottimizzato SEO, con una grafica da paura, una brand identity che spacca, testi superwow, non è detto che venda. O almeno, ci vuole tempo affinché si posizioni nei motori di ricerca e conquisti la fiducia delle persone, sono tempi fisiologici che non dipendono direttamente dal lavoro della web agency.

Per questo c’è bisogno di un booster. Ovvero una strategia di marketing online che parta dall’analisi del pubblico, come si comporta, quali sono le variabili che gli fanno dire: sì ,compro. oppure abbandonare prima di arrivare in cassa. Una volta deciso su cosa fare leva dovrai scegliere i canali: che sia una campagna di annunci su Google, o un profilo Instagram dove mostrare la merce e raccontare l’etica del tuo lavoro e le storie dei clienti che hai reso felici.

Questo è il pacchetto base per un buon negozio online, ma si può sempre migliorare.

 

 

 

Quanto costa aprire un e-commerce

Se pensavi che aprire un negozio online fosse un modo economico di fare soldi spero di averti fatto cambiare idea. Tutti questi servizi hanno un costo.

Ora non ti posso dire qual è l’importo di un progetto simile, però avrai capito che si tratta di un lavoro importante, che richiede un investimento iniziale in consulenze e che, una volta stabiliti gli obiettivi di business, deve essere realizzato da professionisti. Più di uno, con competenze specifiche diverse, meglio se parlano tra di loro, così è più facile che il tuo progetto funzioni e sia coerente.

Non potrò sparare una cifra su due piedi, ma posso consigliarti di dire a miocuggino di farsi da parte: non basta smanettare su WordPress per aprire un e-commerce che ti faccia guadagnare. Se vuoi davvero fare un investimento per il futuro sii saggio. Chi più spende meno spende, diceva mianonna.

 

Forse commentare sui blog è passato di moda, però te lo chiedo lo stesso, perché se c’è qualcosa che vuoi sapere, o una considerazione che vuoi fare noi siamo pronti a risponderti e ascoltarti.

Se no cosa l’abbiamo messo a fare lo spazio commenti?
 

IMMAGINE DI COPERTINA TRATTA DAL FILM Django Unchained.

 

Ti abbiamo incuriosito? Scopri cos’altro abbiamo scritto su questo argomento

trucchi di neuromarketing per il tuo sito web
 
visual merchandising ossia dello studio della rappresentazione del prodotto all’interno del punto vendita

Partecipa alla discussione! 2 Commenti

  • Maria Glezelli ha detto:

    Ottimo articolo! è abbastanza informativo. Vorrei chiederti se c’è un modo per iscrivermi per ricevere un’email quando pubblichi un nuovo post sul blog? Grazie!

    • Sara ha detto:

      Grazie Maria, mi fa piacere che abbia trovato utile l’articolo. Cerchiamo di pubblicare ogni martedì, solitamente poi li condividiamo sui canali social, se ti va di seguirci non te ne sfuggirà nemmeno uno!

LASCIA UN COMMENTO

© 2015-2021 DIRTY WORK
Web Design Grafica Comunicazione