Il design di un sito web non dipende unicamente dal gusto estetico di chi lo progetta. La scelta dei colori, il tipo di impaginazione e i suoi font sono il frutto della consapevolezza che gli stimoli visivi a cui siamo soggetti possono esaltare o compromettere l’interezza di un progetto grafico. Nel design infatti la componente psicologica è fondamentale. Il processo creativo non si esaurisce dando sfogo ad una irrazionalità artistica senza controllo, ma ci sono delle spinte emotive che conferiscono all’aspetto delle pagine web una potenza comunicativa inimmaginabile. Durante la progettazione di un layout grafico puoi quindi sfruttare alcuni principi di psicologia per migliorare l’esperienza dell’utente e allo stesso tempo massimizzare le conversioni del tuo sito.

In questo articolo ti parlerò dell’effetto Von Restorff che prende il nome dagli studi condotti nel 1933 dalla ricercatrice berlinese Hedwig Von Restorff. Partendo dalla psicologia della Gestalt analizzò il modo in cui la memoria attribuisce importanza agli stimoli visivi con la diretta conseguenza che non tutto quello che osserviamo viene archiviato nella nostra mente.

 

Layout

User experience

Template

Web design

Graphic design

Brand design

Marketing

 

Dando una rapida occhiata a questo breve elenco è possibile che la tua attenzione si sia soffermata involontariamente più sulla parola scritta in grassetto che sulle altre. Su questo si basa proprio la teoria di Von Restorff detta anche teoria dell’isolamento: un elemento che si differenzia dal proprio contesto si ricorda meglio. Lo stimolo visivo di quell’elemento infatti mette in secondo piano tutto ciò che gli sta vicino fornendo a chi guarda una sorta di gerarchia di importanza mnemonica. Nella sua sperimentazione la Restorff sottopose a dei partecipanti, in una tre giorni di studio, degli elenchi di oggetti molto simili tra loro intervallati da alcuni che si differenziavano per colore o dimensione. Scoprì quindi che l’attenzione delle persone si focalizzava maggiormente sulle parole scritte diversamente, rintracciate poi con maggiore facilità anche negli elenchi in cui non erano in evidenza.

 

 

 

Da cosa dipende l’effetto Von Restorff?

Il perché dell’effetto Von Restorff potrebbe sembrarti quasi scontato. In mezzo a stimoli visivi molto simili tra loro ti concentri immediatamente su ciò che spezza tale omogeneità accelerando il processo di memorizzazione. La parola scritta con un font differente dal resto del testo, il pulsante della call to action che ha un colore  complementare a quello del layout della pagina attraggono la tua attenzione, ti mettono in allerta. Molti studi infatti ipotizzano che alcune sollecitazioni a cui siamo soggetti risveglino in noi una sorta di istinto primordiale. Una capacità che abbiamo sin dall’alba dei tempi che ha permesso la sopravvivenza della specie umana. Un radar capace di captare fonti di pericolo preparandoci ad una reazione immediata.

Dalle ricerche della Von Restorff sono derivati molteplici studi come quelli condotti da Fabiani e Donchin che hanno approfondito le ripercussioni del fenomeno dell’isolamento. La memoria funziona in modalità selettiva e più la persona si concentra su un elemento e meno presta attenzione al contesto che lo circonda. Anche la percentuale di elementi che si vogliono isolare è importante. Pensa ad un testo quasi interamente in grassetto all’interno della tua pagina web. Non sortirebbe alcun effetto innescando un principio di cecità cognitiva.

Le implicazioni quindi sul design delle tue pagine web sono molteplici. Sfrutta l’effetto Von Restorff per mettere in risalto alcune parole chiave su cui far focalizzare l’attenzione del lettore. Ricorda che molto spesso leggiamo a salti nella speranza di trovare online una rapida risposta alle nostre domande. Spezza poi il ritmo visivo utilizzando un colore diverso per una sezione che non vuoi che passi inosservata. Il discorso inoltre può essere preso ancora più alla lontana concependo l’effetto isolamento nell’interezza del progetto web.

 

 

 

L’effetto Von Restorff per fare branding

Immagina di cercare online un’azienda, un prodotto o servizio. La tua ricerca produrrà un elenco di risultati e a quel punto dovrai selezionare quello più adatto alle tue esigenze. Cosa accadrà però quando i siti web su cui andrai a navigare saranno tutti molto simili tra loro?
 

Fai in modo che il tuo sito venga percepito come unico

 
Differenzia la tua immagine dalla concorrenza in modo da risultare attraente per l’utente imprimendogli il tuo brand nella memoria. Quindi gioca con il colore del tuo logo, studia un approccio comunicativo controtendenza e soprattutto azzarda! Internet è sempre più affollato e fare come fan tutti ti porta inesorabilmente a stare dove stanno tutti, un limbo in cui è molto facile risultare invisibili.
 

IMMAGINE DI COPERTINA TRATTA DAL FILM Frankenstein Junior.
 

LASCIA UN COMMENTO

© 2015-2022 DIRTY WORK
Web Design Grafica Comunicazione